AMATRICIANA CONFIT E POMILLA

Sono giorni così pieni di tepore familiare che
lavorare  è difficile in questo periodo che precede il Natale, e ci 
si vorrebbe dedicare solo al cibo e alla casa.
Ma se hai la fortuna che il tuo lavoro comprenda anche la cucina, allora 
davvero il momento è completamente magico!
A completare la magia e a provocare un sorriso 
ogni volta che passo davanti al fornello, è anche la Pomilla
questa stupenda pentola (verrebbe da dire "pentolina" per il suo aspetto giocoso, ma piccola non è!) 
che l' azienda Illa, della quale mi sono perdutamente invaghita e nel cui sito passo 
la stessa quantità di ore di un sito di scarpe e vestiti (eh lo so... è l'ennesima minaccia per la mia carta di credito già dolorante!!) mi ha mandato sorprendendomi e rallegrandomi 
in maniera indescrivibile.
Questa pentola è pensata per il sugo, per la tipica salsa al pomodoro, ma in generale per tutti i sughi ricchi e avvolgenti.
L'aspetto giocoso dell'oggetto non deve trarre in inganno, perchè non è così delicata come sembra: è robusta, grande (la capacità è di 1,6L per un diametro di 16cm), e 
a parte il dovuto rispetto e le cautele di rito per il rivestimento in Teflon DuPont ,
può essere utilizzata senza parsimonia e lavata in lavastoviglie. 
Dopo averla provata e riprovata 
(sempre perchè, come ho fatto e ho spiegato in occasione della
padella in ceramica non è che devo smarchettare e dire che è buona una cosa che invece non va, per risultare poi io un'emerita incompetente... ndr), 
oggi ve la voglio mostrare accompagnata da una ricetta realizzata con la Pomilla
e che è una rivisitazione della classica Amatriciana e cioè la mia 
Amatriciana Confit
realizzata sulla base dell' amatriciana classica ma arricchita con pomodorini confit.
Vi voglio svelare un piccolo segreto. 
A parte la bontà, la leggerezza ed il gusto avvolgente che sono il motivo principale
per cui scegliere questo tipo di preparazione, 
il confit permette di "salvare" quella vaschetta che si sta "rovinando" in frigo 
(io prediligo la stagionalità, ed il sapore delle verdure della terra di casa mia nel loro momento, ma 
ad alcune non riesco a rinunciare perciò mi adeguo a quello che trovo nei banchi della verdura, anche fuori stagione...), e quindi di utilizzare dei pomodorini non più completamente turgidi,
trasformando un prodotto non più perfetto in una chicca impareggiabile!

Ma bando alle ciance, 
la ricetta dell' Amatriciana Confit.





AMATRICIANA CONFIT

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

PER I POMODORINI CONFIT:
500g di pomodorini tagliati a metà
2 cucchiai di zucchero
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaino di timo fresco
1 cucchiaino di origano fresco
olio evo
sale e pepe

PER LA PASTA ALL'AMATRICIANA
360g di maccheroni
160g di guanciale stagionato a cubetti
300g di pomodori pelati
80 g di pecorino (io ho scelto quello al pepe)
1/2 bicchiere di vino bianco secco
peperoncino
olio evo


POMODORINI CONFIT:
Rivestire una placca da forno con la carta. Disporre i pomodorini con la polpa verso l'alto. 
Mescolare in una ciotola l' olio, il sale e il pepe.
Spolverare i pomodorini con lo zucchero, poi con l'emulsione all'olio, quindi con il timo e l'origano, infine con un pò di pepe. Aggiungere lo spicchi d'aglio intero (che darà solo profumo).
Mettere in forno a 170°C per un'ora e mezzo ( a metà cottura togliere l'aglio). 

MACCHERONI ALL'AMATRICIANA:
 Rosolare nella vostra pentola (nel mio caso nella Pomilla!)  il guanciale in un velo d'olio e quando inizia a fondere, aggiungere il peperoncino. Sfumare con il vino bianco e far evaporare bene. 
Scolare il guanciale e tenerlo da parte al caldo.
Nel fondo di cottura del guanciale, schiacciare i pelati e cuocerli per lo stesso tempo di cottura della pasta.
Quando il sugo è quasi pronto aggiungere il guanciale. 
Scolare la pasta in una ciotola calda e condirla con il sugo.
Impiattare con qualche pomodorino confit, una grattugiata di pecorino e pepe macinato fresco.















Della stessa linea Design, Illa propone anche la 
Zucchilla a forma di zucca (...sospiri di desiderio...) , pensata per zuppe e risotti, 
e la Pastilla in cui sul coperchio fa bella mostra di sè una farfalla, 
pensata per cuocere la pasta!
...tutto Made in Italy!

Commenti

Post più popolari