DEVI PIEGARE BENE IL TUO VELO...




E' decisamente impossibile capire quando sarà.
Ma ci sarà.
Potrebbe arrivare piano oppure tutto ad un tratto.
Ma arriverà.
Forse sarebbe intelligente sperare che arrivi presto, fortissimo e velocissimo.
Per poi andarsene esattamente alla stessa maniera: presto, fortissimo e velocissimo.
In questo però nessuno è davvero intelligente ed ingenuamente continuiamo a sperare che non si presenti mai.
E' il dolore.
Quello che segue le decisioni, le scelte di anni, la sopravvivenza, di mesi o qualche settima.
Se sopravvivi alle scelte che ti hanno provocato sofferenza, che siano tue o tu le abbia subite, oppure ancora tu sia stato costretto a metterle in atto, di sicuro avranno uno strascico.
Un velo da sposa che ti segue, malinconico.
Leggero fino al momento in cui si stacca dalla tua testa, dai tuoi fianchi e dal tuo cuore, strappandone una parte. In fondo al velo delle malinconie ci sono pietre aguzze, vivide e trasparenti. Brillanti .
Sono le pietre degli errori, di ciò che non puoi più cambiare, di ciò che non puoi dimenticare.
Ed il dolore inizierà quando ti accorgerai delle pietre.
Quando il loro peso provocherà lo strappo al cuore.
Non lo puoi evitare.
Non puoi impedirgli di sanguinare.
Non puoi fermare il dolore.
Però puoi voltarti un' ultima volta indietro, prendere tra le mani quello strano velo da sposa, piegarlo piano, scorgere tra trama ed ordito tutto ciò che ti bello e brutto ha costruito la malinconia che lo compone e che ti sei trascinato per giorni, settimane, magari anni... ognuno ha il suo velo.
Per tutta le durata che richiederà piegarlo ordinatamente sarà straziante.
Da ultime tra le mani arriveranno quelle pietre.
Nel frattempo avranno smesso di brillare e saranno tornate ad essere errori.
Tutto finirà quando riporrai il tuo velo in una valigia.
E quella valigia porta attaccati gli adesivi di tutti i posti che potrai visitare da quel momento.
Hanno nomi conosciutissimi questi luoghi, eppure le loro strade sono senza indicazioni.
Speranza. Fiducia. Saggezza. Leggerezza. Disponibilità. Serenità.
Sto piegando un velo lunghissimo.
Non sono ancora giunte tra le mie mani le pietre e so che, purtroppo, stanno ancora brillando.
Ma ho voglia di fare quel viaggio.
E allora continuo a piegare le mie malinconie.
Pronta a spegnere le pietre.

Commenti

  1. Cara Ele, comincia a piacermi il modo e la voglia di trasmettere le tue emozioni,le tue sensazioni ma da entrambe sgorga una unica certezza e questa è la tua dolcezza, non ti conosco di persona ma il tuo modo di scrivere mi da questa sensazione. Spero che mentre stai piegando quel velo tu possa assaporare ancora gioie che daranno luce al tuo bello sorriso.
    Marcello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Marcello...

      piegarlo è un passaggio obbligato...per avere solo sorrisi lucenti!!!
      ti abbraccio

      Elimina
    2. Pure io !!!!

      Elimina
  2. Il dolore,le scelte,il velo da sposa,le pietre che starziano il cuore.E' la nostra vita.Ma la voglia di fare il viaggio in questi luoghi,cioè creder nella Speranza Fiducia,Saggezza Leggerezza Disponibilità,Serenità la vita può darci ancora grandi soddisfazioni.F.C.

    Ti scrissi che dovevi deliziarci con le tue sofisticate riflessioni e ci stai riuscendo alla grande....e leggerti è un impegno che mi fa bene!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Leggerti fa bene anche a me, ma questo post mi rattrista.
    Piegalo in fretta quel velo.
    Tagliati le mani, sanguina.
    E poi chiudilo e getta la valigia in fondo al mare.
    Gli errori sono stati commessi, inutile perdersi nel rimirare pietre brillanti, perchè sicuramente ne avrai altre abbandonate da tempo, e altre, forse più grandi, ne troverai in altri viaggi.
    Ma, appunto, hai altri viaggi da fare...

    Ila

    RispondiElimina
  4. Ti auguro di piegare il tuo velo e di guardarlo insieme alla valigia con un sorriso, il passato è passato...ma il futuro è tutto da scoprire! Buona fortuna! S.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari